• Susanna Esposito

Il primo Chakra: (parte 2) le pratiche di armonizzazione


Come promesso lo scorso giovedì, in cui ho descritto le caratteristiche del Chakra della radice, oggi parlerò di alcuni modi attraverso cui puoi riattivare le energie del Primo Chakra.

La meditazione:

Concediti alcuni minuti di tempo per immergerti in una esperienza meditativa che ti può mettere in connessione con il Chakra della base, proprio per prendere confidenza con la parte del corpo corrispondente ed averne maggiore consapevolezza:

- distenditi in posizione supina e chiudi gli occhi, meglio se sul tappetino da yoga, una stuoia o su altro supporto che ti metta in contatto con il pavimento o la terra; ma se preferisci o ti senti più comoda/o o a tuo agio andranno bene anche il letto o il divano.

- Una volta che hai lasciato passare i pensieri che probabilmente emergeranno e con i quali non ingaggerai nessun tipo di lotta per mandarli via, comincerai piano a piano dirigere l'attenzione sul tuo corpo percependo i punti di appoggio della schiena e il sostegno del pavimento, del materasso o della terra sentendone il supporto e il solido appoggio.

- Poggia le mani sul basso ventre proprio in corrispondenza dell'area inguinale con i pollici all'altezza del pube e le dita rivolte verso i piedi. Le mani avranno sia il potere di farti prendere contatto con la parte del corpo in questione, sia di trasmettere a essa l'energia che cercherai di inviare a essa sotto forma di luce.

- Respira profondamente facendo giungere il respiro e l'energia al Chakra Muladhara, puoi aiutarti immaginando un un caldo flusso luminoso colorato di rosso che giunge in quell'area.

- Rimani per qualche minuto a respirare tranquillamente in questa posizione di profondo rilassamento seguendo il movimento del basso ventre con le mani e immaginando la calda luce che scorre nel Chakra della base.

Il mantra:

Quando hai preso confidenza puoi aggiungere alla armonizzazione meditativa un nuovo elemento:

dopo alcune respirazioni profonde puoi pronunciare diverse volte il mantra LAM che ti sintonizzerà in maniera ancora più profonda con le vibrazioni del Chakra Muladhara e risveglierà in maniera profonda le energie vitali.

La posizione della forza:

Mettiti in posizione eretta con le gambe divaricate a una larghezza due volte maggiore di quella del bacino e le punte dei piedi rivolte verso l'esterno. Le gambe devono essere stabili, quindi non troppo larghe né troppo strette, tutta la posizione deve avere una base stabile e forte, ed essere comoda.

Mantieni la schiena dritta e ora piega un poco le ginocchia.

Poggia le mani sulle cosce con le dita verso l'interno e il pollice verso l'esterno.

Guarda davanti a te e per aiutarti a sentirti stabile guarda un punto fisso all'altezza degli occhi.

Ora puoi volgere la tua attenzione ai piedi e dai piedi risalire lentamente verso l'alto sentendo la solidità della posizione, dai piedi passa alle caviglie quindi ai polpacci, alle ginocchia, alle cosce, senti l'appoggio delle mani su di esse, passa al bacino, al busto e a tutta schiena, alle braccia, le spalle, senti il collo e infine la testa. Mentre focalizzi sulle diverse parti del corpo cerca di mandarvi il respiro e l'energia sotto forma di calore che scioglie tutte le tensioni.

Una volta arrivato/o alla testa puoi scendere di nuovo verso il basso con respiri sciolti e tranquilli; senti di ancora la stabilità e la forza che ti viene data dalla terra che sorregge tutto il corpo, e poi accogli tutta la forza e l'energia della terra per tutto il tempo che desideri.

Radicamento nella posizione del loto:

Scegli un luogo tranquillo dove sederti tranquillamente nella posizione del loto. L'ideale sarebbe fare questo e il precedente esercizio in un bosco o in un parco dove sia possibile percepire la presenza della natura. Ma va bene anche un luogo tranquillo che avremo scelto per praticare a casa. Preparati anche mentalmente ad assumere una posizione che è davvero ideale per esprimere la connessione con la terra. Puoi utilizzare dei cuscini per sistemare il bacino o le ginocchia.

Chiudi gli occhi e vedi senti o immagina che dal tuo Primo Chakra partano delle radici che penetrano sempre più a fondo nella terra sempre più giù fino alla profondità che senti più giusta per te e quando avrai sentito la connessione profonda con la Madre Terra fai fluire le energie lasciando andare quelle negative e sappi e senti che la terra le trasforma restituendoti forza e vitalità. Prendi la forza, la vitalità e il sostegno dalla Madre Terra fino a che ne sentirai il bisogno. Quando ti sentirai abbastanza ricaricato/a puoi ringraziare la Terra per lo scambio e per la sua generosa energia quindi dopo un profondo respiro apri gli occhi.

In generale per riattivare l'energia del Primo Chakra:

- fai movimento o sport per mettere in azione e sentire il tuo corpo;

- fai delle camminate al parco, in un bosco o dove puoi essere a contatto con la natura cercando il legame con la terra.

- Vestiti di colore rosso, oppure abbellisci o decora la casa con oggetti di colore rosso.

Per oggi è tutto, nel prossimo post parlerò di due strumenti meravigliosi che la natura ci mette a disposizione per riarmonizzare le energie del Chakra della radice: i Fiori di Bach e i cristalli.

#primochakra #muladhara #radici #base #radicamento #meditazione

80 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
TempoNaturale (4).png